Gioia del Colle DOC Primitivo bio

12,00

Descrizione

Nome del Vino:
FATALONE® Primitivo
Denominazione:
GIOIA DEL COLLE D.O.C. PRIMITIVO
Annata:
2012
Produzione:
25.000 bott.
Provenienza:
Colline murgiane in agro di Gioia del Colle, località Spinomarino, 4,5 km a Sud-Est del centro abitato.
Vitigno:
Primitivo 100%, interamente di proprietà
Sistema di allevamento:
Moderna versione di Alberello Pugliese con due capi a frutti adattato a spalliera
Gestione del vigneto:
Agricoltura biologica, Senza irrigazione, Inerbimento spontaneo con sovescio
Periodo Vendemmia:
Seconda metà di Settembre
Resa:
60-80 q.li/ha o 40-50 hl/ha
Caratteristiche del vigneto:
Anno di impianto: 1990
Altitudine Vigneto: 365 MT S.L.M.
Estensione Vigneto: 8 HA
Orientamento filari: Nord-Sud
Densità media di ceppi/ha: 3.500 – 4.000
Interfilare: 2,2 m
Sesto d’impianto: 1 m
Vinificazione:
Protocollo biologico: Fermentazione e Macerazione in acciaio a temperatura controllata 200h senza ausilio di lieviti selezionati, malolattica naturale, solfitazioni di solo reintegro in fermentazione, macerazione, refrigerazione e filtrazione pre-imbottigliamento
Gradazione alcolica:
15% vol.
Invecchiamento:
6 mesi in acciaio, 6 mesi in botti di Rovere di Slavonia da 750 litri, 6 mesi in bottiglia.
Caratteristiche organolettiche:
Colore rosso rubino intenso con intensi toni violacei. Profumo caratteristico di frutta matura, leggero speziato e tostato. Armonioso al gusto, un perfetto equilibrio di morbidezza, mineralità e freschezza, che incorniciano l’intenso fruttato di amarena e prugna, con note mature di mora e gelso, e un tocco di speziato. La caratteristica che rende unico il Primitivo di Gioia del Colle è il tipico retrogusto di mandorlato.
Temperatura di servizio:
18°- 20°C
Abbinamenti gastronomici:
Adatto a rinforzare piatti dai sapori intensi come pasta al ragù, si accompagna ottimamente con piatti a base di carne, selvaggina, pesce alla griglia e formaggi stagionati.
Ulteriori informazioni:
La particolare benché inusuale affinità di questi rossi con piatti saporiti a base di pesce nasce dal fatto che in origine, ove ora vi sono gli impianti viticoli, vi era il mare, come testimoniano fossili rinvenuti durante gli iniziali lavori di scasso in profondità, svolti per preparare il terreno ad accogliere gli attuali impianti.