STORICA DEGUSTAZIONE VERTICALE DEL 30° ANNIVERSARIO DEI VINI FATALONE – NEW YORK 2 NOVEMBRE 2018

Si continua a festeggiare! Il 2 Novembre, abbiamo realizzato la seconda degustazione verticale della nostra Riserva Fatalone a New York (la prima è stata a Londra), un evento esclusivo dedicato al trentesimo anniversario dei nostri vini biologici Fatalone. L’evento si è tenuto all’Astor Center ed è stato reso possibile anche con l’aiuto di Alice Feiring e dei nostri importatori di New York. Alice Feiring è una pluripremiata scrittrice e critica di vini , specializzata in vini naturali ed editrice di The Fiering Line, “The Natural Wine Newsletter”.

Pasquale Petrera,  la quinta generazione di produttori del Fatalone, ha presentato in una masterclass una selezione di 15 annate del nostro Gioia del Colle DOC Primitivo Fatalone risalente al 1988. Il panel di degustazione comprendeva stampa e sommelier locali e internazionali. Alcuni dei nostri invitati sono stati: Alice Feiring  di “The Fiering Line”, Jim Sligh di “Compagnie des Vins Surnaturels”, Oscar Wolf di “Chambers St Wines”, Mike Colameco di “Real Food, PBS”, Tara Thomas di “Wine & Spirits Magazine”, Levi Dalton di “I’ll Drink To That Podcast”, Catherine Todd di “Dame Wine” and Lorena Ascencios of “Astor Wines”.

 

RAW WINE 2018, 4-5 NOVEMBRE A NEW YORK

Per la prima volta quest’anno, abbiamo presentato i nostri vini biologici Fatalone alla Fiera di Raw Wine 2018 a New York. RAW WINE riunisce “oltre 140 tra i migliori coltivatori biologici / biodinamici / naturali a basso impatto ambientale”. Abbiamo portato in degustazione tutti i nostri vini Fatalone: Gioia del Colle DOC Primitivo Riserva, Gioia del Colle DOC Primitivo, Puglia IGT Primitivo “Teres” e il nostro vino bianco, Puglia IGT Greco “Spinomarino”.

Per poter partecipare a Raw Wine, i nostri vini hanno dovuto superare un rigoroso processo di selezione. Fortunatamente, i requisiti di ingresso di Raw Wine Fair riflettono la nostra propria filosofia di produrre vini biologici e naturali, utilizzando solo le nostre uve raccolte a mano e pratiche sostenibili, con basso contenuto di solfiti e fermentazioni spontanee, senza mai sacrificare qualità e gusto.

Siamo stati peraltro particolarmente orgogliosi per esser stati l’unica azienda a rappresentare la Puglia in questo meraviglioso evento.